Visita altri paesi: Bulgaria | Cambogia | Cina | Colombia | Etiopia | Russia | Ucraina | Vietnam

Situazione dell'infanzia

 

La situazione dell’Infanzia in India è ancora caratterizzata da condizioni di vita precarie. Si vuole riassumere qui brevemente un profilo delle criticità dell’infanzia, rilevate da studi recenti sul territorio indiano;

  • malnutrizione e patologie connesse, legate soprattutto a nascite di neonati sottopeso, deficienza di iodio e anemia Un bambino malnutrito su tre al mondo, vive in India. Il 46% circa dei bambini minori di tre anni è sottopeso, e molti di loro soffrono di malnutrizione acuta. Circa il 30% dei bambini è sottopeso alla nascita. L'anemia colpisce il 90% delle ragazze adolescenti e il 50% delle donne.Nonostante il grande impegno dell'UNICEF e del governo indiano, la diarrea è la seconda causa di morte tra i bambini, dopo le infezioni respiratorie.
  • marcato tasso di mortalità infantile e neonatale. Nonostante i progressi degli ultimi trenta anni, più di due milioni di bambini muoiono ogni anno per infezioni che potrebbero essere prevenute. L'India è il paese al mondo in cui si verifica il più alto numero di decessi fra i bambini tra 0 a 5 anni.La mortalità infantile colpisce molti neonati nella prima settimana di vita e sebbene negli anni '80, avesse dato segni di rapida riduzione, negli ultimi dieci anni questi progressi sono molto rallentati. Si stima che 400.000 bambini minori di 5 anni muoiano per diarrea ogni anno.Tra le cause principali, vi sono le scarse condizioni igieniche e l'ingestione di acqua non pulita (in alcune aree del paese c'è una presenza eccessiva di arsenico e di fluoruro nell'acqua). Più di 122 milioni di famiglie nel paese non dispongono di servizi igienici.
  • bassa percentuale di immunizzazioni e incremento dei casi di polio
  • I tassi di registrazione alla nascita, nonostante una campagna nazionale apposita, sono ancora molto bassi.
  • persistenza di un rapporto femmina/maschio in età tra i 0-6 a marcato favore dei bambini maschi
  • discriminazione di genere e dei bambini di tribù o caste emarginate
  • la percentuale dei bambini che completano l’iter scolastico elementare è del 71%
  • il non raggiungimento dell’universalità dell’iscrizione alla scuola primarie delle bambine femmine
  • incremento di crimini contro i bambini. Molti bambini, e specialmente molte bambine, sono vulnerabili a violenza, abuso e sfruttamento, e sono spinti ad entrare nel mondo della prostituzione o del lavoro nero.
  • l’India registra il più alto numero di bambini lavoratori nel mondo. Molte famiglie che non dispongono di entrate sono costrette a far lavorare i propri figli. Si stima che siano 12 milioni i bambini lavoratori nel paese. La maggior parte di loro non hanno mai frequentato la scuola. Il numero di bambini di strada è molto elevato. La pratica dei matrimoni precoci continua ad essere un problema serio

In India, più di due milioni di bambini muoiono ogni anno per infezioni in apparenza banali come gastroenteriti e infezioni respiratorie. L'India è il paese al mondo in cui si verifica il più alto numero di decessi fra i bambini da 0 a 5 anni.

La mortalità infantile colpisce molti neonati nella prima settimana di vita, circa il 30% dei bambini è sottopeso alla nascita. Un bambino malnutrito su tre, al mondo, vive in India. Il 46% circa dei bambini minori di tre anni è sottopeso e molti di loro soffrono di malnutrizione acuto. L'anemia colpisce il 90% delle ragazze adolescenti e il 50% delle donne.

Si registra anche un alto tasso di sieropositività all'HIV: l'India è al secondo posto nel numero di abitanti affetti dal virus e rappresenta l'11,4% dei sieropositivi nel mondo (fonte Unicef).

Molti bambini, e specialmente molte bambine, sono vittime di violenzeabusi sfruttamento e finiscono per cadere nel mercato della prostituzione e del lavoro nero. Il numero di bambini di strada è molto elevato e la pratica dei matrimoni precoci continua a essere un problema serio.

Il tasso di scolarizzazione tra i bambini è molto basso. Inoltre, sono ancora numerosi i casi di bambini che non vengono registrati alla nascita, il che facilita mercati illegali. Nonostante la grande povertà, negli istituti di accoglienza dei minori vi è una discreta attenzione per i bambini e c'è quasi sempre una educatrice che si occupa di loro non solo dal punto di vista fisico ma anche per quanto riguarda il gioco e la relazione sociale.

Tra i bambini inseriti nelle liste per l'adozione in India internazionale ci sono poi anche i bambini con problemi psico-fisici particolari (special need children), per i quali non si è riusciti a trovare una famiglia nel Paese di origine. Il governo dell'India ha sviluppato una politica nazionale per il benessere dei bambini e ha sollecitato il ruolo itale che le organizzazioni volontarie devono svolgere nel campo dell'educazione, salute, ricreazione e servizi sociali per i bambini e intende incoraggiare e rinforzare tali organizzazioni volontarie.